Carabina Rover Custom: 2 medaglie d’oro, una d’argento, una di bronzo a Fara in Sabinia.

A Fara in Sabina in provincia di Rieti si è svolto il 1° Campionato del Mondo di tiro di Campagna con carabine e il 1° Campionato del Mondo di Tiro a Palla Sabato 27 e Domenica 28 Luglio.

Sono i due nuovi campionati di tiro al bersaglio con varie specialità e distanze (50/100/200/300 metri).

Jessica Rubortone ha ottenuto, in ognuna di queste, punteggi molto elevati.

La sua fidata arma a canna rigata le ha permesso di vincere 2 medaglie d’oro, una d’argento, una di bronzo e facendola posizionare davanti a molti colleghi maschi nella classifica generale delle gare.

Queste le parole della giovane tiratrice che gareggiava con una carabina Rover Custom:

“Sono state giornate intense, sabato 40 gradi all’ombra e domenica tempesta. Tanta pressione emotiva dovuta alle gare a coppia con mio padre e mio fratello. Tiro di campagna e tiro a palla, una combinazione non troppo semplice considerando di gareggiare per il 1^ campionato del mondo Fidasc Italia, ma un po’ di fortuna, tanto impegno e ovviamente armi Sabatti mi hanno aiutato a vincere la gara più importante mai fatta finora. “ 

Un risultato importante per l’accoppiata Jessica Rubortone / Carabine Sabatti che già in passato aveva avuto ottimi risultati a livello nazionale come avevamo documentato nell’articolo sulla sua precedente vittoria.

I risultati sono stati ottenuti anche grazie alla carabina da tiro al bersaglio Sabatti Rover Custom 6,5×47 Lapua con rigatura della canna MRR (Multi Radial Rifling).

 

Tutte le nostre armi da competizione sono dotate di canne MRR®

I punti di forza delle nostre canne Multiradiali montate sulle nostre carabine sono:

  • Durata maggiore delle canne perchè i proiettili non si deformano secondo un arco di circonferenza e non sono intagliati come nelle rigature convenzionali;
  • Tutti gli spigoli vengono riempiti al contrario delle rigature convenzionali;
  • Palle meno stressate grazie ai due raggi diversi che si alternano in modo da deformare la geometria del proiettile quel tanto che basta per non intagliarli;
  • Migliori performance rispetto alle vecchie canne con rigatura convenzionale, sia con palle classiche che con palle monolitiche;
  • 12% in più velocità di uscita del proiettile rispetto a una rigatura convenzionale con valori pressori nella norma.