tiro al bersaglio

Le carabine da tiro al bersaglio di Sabatti sono tutte dotate di canne MRR® 

Ormai famose in tutte le competizioni di tiro al bersaglio, le canne Sabatti MRR delle nostre carabine vantano i seguenti plus:

  1. Una più lunga durata delle canne grazie al fatto che i proiettili si deformano con un arco di circonferenza invece che essere intagliati come accade solitamente nelle rigature tradizionali;
  2. Minore stress della palla  grazie alla deformazione su due raggi diversi alternati che deformano il proiettile in modo che non si intagli;
  3. Riempiono tutti gli spigoli cosa che non succede nelle rigature classiche;
  4. 12% in più di velocità di uscita, con valori pressori normali, del proiettile dalla volata.
  5. Minori depositi di rame all’interno delle canne
  6. Meno interventi di pulizia e sramatura e più veloci da eseguire.

Le canne con rigatura MRR montate sulle armi da tiro al bersaglio, si confermano più performanti delle classiche rigature, sia con palle monolitiche che classiche.

Il proiettile grazie alla rigatura multiradiale sigilla meglio il foro della canna.

Le fughe in avanti dei gas sono così limitate e così si utilizza meglio l’energia del propellente.

Riuscendo ad ottenere tolleranze minime abbiamo ottenuto così una riduzione del diametro delle rosate di tutte le nostre armi a canna rigata a ripetizione manuale.

Sabatti riesce a selezionare solo canne eccellenti e a scartare le canne mediocri grazie al processo di rotomartellatura a freddo che mantiene la costanza geometrica del profilo della rigatura lungo tutta la canna.

Nelle canne multiradiali da tiro al bersaglio i fliers si sono ridotti per merito della specifica geometria del cono di forzamento.

Il cono di forzamento geometricamente che produce la rigatura MRR infatti inserisce in maniera più sicura e precisa il proiettile nelle rigature, obbligando la palla ad allinearsi con l’asse della canna in maniera ottimale.

La rigatura MRR di Sabatti continua così vincere in tutte le gare e discipline di tiro al bersaglio e a lunga distanza.

Quando abbiamo iniziato la progettazione di queste canne non abbiamo solo pensato alla precisione nell’immediato ma anche alla costanza delle prestazioni dopo un uso prolungato.

Infatti il nostro campione Salvo Piazza ha trionfato in una competizione di tiro con una canna che aveva sparato più di quattromila colpi.