E’ opinione comune che per vincere nelle gare di tiro a lunga distanza non si possa prescindere da una buona ricarica e qui ognuno ha la sua ricetta magica.

Le nostre carabine Sabatti per il tiro a lunga distanza ed equipaggiate con canne MULTIRADIALI (Multi Radial Rifling) hanno invece vinto, nei campionati italiani di tiro a lunga distanza con munizioni Fiocchi Perfecta di serie.

La finale si è svolta al poligono Le Chamois nella località  Pian Neiretto (Coazze, TO) dove si è svolto il girone d’accesso alla fase finale. Tutti i vincitori dei gironi di qualificazione, svoltisi in tutto il territorio nazionale, erano presenti alla manifestazione. La finale si è svolta su 2 giornate: Sabato finale per il campionato a squadre e Domenica finale per il campionato individuale.

Sulla distanza delle 600 yards le carabine Sabatti si sono imposte rispettivamente in Tld1 con Luigi Martinelli al primo posto, Roberto Prestini al secondo in Tld1, entrambe con carabina in calibro 308 Fiocchi Perfecta e Daniele Zanelli al primo posto Tld3 (calibri liberi) con un cal. 6,5×47.

Cristian Dondi vince nel Girone Piemonte classificandosi al primo posto in TLD1 mentre Guglielmo Ceccaroni si classifica secondo sempre in TLD1.

Da notare che, in Tld1 sia il primo che il secondo, hanno utilizzato cartucce Fiocchi Perfetta con palla da 175 grs.

Addirittura Martinelli, campione italiano di Tld1, ha usato per tutta la stagione, durante le qualifiche, le cartucce Fiocchi.

Questo a dimostrazione che per poter competere anche ai massimi livelli non è obbligatorio essere dei maghi della ricarica.

Ancora una volta Sabatti e Fiocchi si sono dimostrati una accoppiata imbattibile

Daniele Zanelli ci ha raccontato così la sua prova:

“La finale è stata il coronamento di tutta la stagione e dopo aver vinto le 5 gare del girone di qualificazione Piemonte e fatto il record italiano relativo alle 4 categorie, non volevo per nessuna ragione perderla. Dopo il primo match, chiuso a 73+8 (su 75+15) con vento leggero, il secondo in classifica, mi tallona ad un punto. Il secondo match è quello della verità  anche perchè ora il vento si fa davvero sentire e soprattutto non è costante. Dopo un 4 di prova correggo e faccio un 5 che decido di tenere. Nei colpi seguenti decido di compensare diversamente e leggere in modo altrettanto diverso le bandierine. Questa nuova lettura (grazie Sonia) mi da ragione e l’azzardo viene premiato con uno spettacolare 75+11 che significa vittoria visto che se anche il secondo facesse il pieno, il mio vantaggio resterebbe comunque di un punto. Aver vinto questo campionato è una gioia che mi ripaga di tanti sacrifici ed è un punto di partenza per la stagione futura. Vorrei dedicare questa vittoria ad una persona speciale (leggendo capirà) e ringraziare, primo tra tutti, l’ing. Emanuele Sabatti che ha creduto in me e ha sopportato con pazienza le mie richieste, a volte strampalate ma che alla fine mi hanno dato ragione.”

 

Cristian Dondi così riassume le due giornate di gare:

“A causa di un problema tecnico non indifferente il team theGunners ha purtroppo perso almeno 12 punti, viste le condizioni ambientali particolarmente favorevoli durante la manche in cui si è verificato il problema stesso. Il team si è piazzato comunque secondo a 15 punti dal team Roesler. Senza l’inconveniente avremmo potuto competere per il primo posto.

La finale di domenica si è svolta sparando su 2 cartelli, come durante tutto il campionato. Tutti i partecipanti sono stati distribuiti su 5 turni di tiro da ripetere una volta finito il primo giro. Essendo un numero elevato di tiratori purtroppo non tutti hanno potuto tirare in condizioni identiche. Infatti chi ha sparato nelle prime batterie ha goduto di condizioni più favorevoli rispetto a chi a tirato nelle ultime, ma questo fa parte del gioco.

Luigi Martinelli è stato molto bravo nel gestire la componente emotiva della finale e ad essere molto costante nella prestazione di tiro, il che lo ha portato alla vittoria del titolo di campione italiano TLD1 2017

Roberto Prestini, dopo la rottura meccanica durante la gara a squadre, è riuscito a ottenere comunque il secondo posto nel campionato italiano TLD1 grazie alla carabina prestatagli da Roberto Capelli. 

Guglielmo Ceccaroni, neo acquisto in casa theGunners e possessore di una Sabatti Tactical, è riuscito ad arrivare in finale ma non è purtroppo riuscito a performare come al solito.

Io sono stato decisamente sotto tono, il peso delle responsabilità  da capitano e lo stress di essere il campione in carica, al momento dello svolgimento della finale mi hanno condizionato durante il tiro, non permettendomi di gestire al meglio le condizioni meteo meno favorevoli durante i 2 turni di tiro che erano gli ultimi.”

I piazzamenti:

Dondi Cristian cat TLD 1: Primo classificato per il Girone Piemonte, 2 medaglie d’Oro e 2 medaglie d’Argento. Arma: Sabatti Tactical Syn cal. 308 win

Ceccaroni Guglielmo cat TLD 1: Secondo classificato per il Girone Piemonte, 1 medaglia d’Oro, 1 medaglia d’Argento e 1 medaglia di Bronzo. Arma: Sabatti Tactical Syn cal. 308 win

Martinelli Luigi cat TLD 1: Primo Classificato in Campionato Italiano, 2 medaglie di Bronzo. Arma: Sabatti STR Sport cal. 308win

Prestini Roberto cat TLD 1: Secondo Classificato in Campionato Italiano, 1 medaglia d’Oro e 1 medaglia d’Argento. Arma: Sabatti Tactical Syn cal. 308 win

Secondo Posto per la gara a Squadre a cui ha partecipato anche Roberto Capelli con una carabina Tactical Syn ca. 308win

Uno straordinario carnet di 11 medaglie d’Oro, 10 d’Argento e 3 di Bronzo